Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for marzo 2015

TULIPANI

sempre lo spettacolo della natura e di Stephy che la coglie…

I Fotolavori di Stephy

11103721_10206672416757052_754413165_o

Com’è che si colora un istante? chiedi a lei
alla donnaterramadre, alla viola nel bicchiere.
Chiedi alla cenere d’ombra,
alle sue labbra
ai calici del mistico io, a noi che siamo
venuti via con poco di vento,
marzo in tasca
il vetro delle sante parole, tulipani.
Tu rossa e un poco gialla nel petto,
io di luna, traverso ed elegiaco
chiuso, un bel bocciolo.

(Massimo Botturi)

Foto sempre mia.
Parole sempre di Massimo

View original post

Annunci

Read Full Post »

FREEDOM SUITE

Amo la linea che ti separa i seni.
L’amavo già che eri di un altro
e l’amerei
dovessi ancor poggiarti con lui
più trasalita, scioccata da parole diverse
d’altro amore.
Poiché non ti possiedo da mai
e nulla è scritto
che giovani si resti per sempre
sempre pieni, dell’umido stupore dei meli.
T’amo il solo
capitolo che nasce i respiri
li seduce, li oscura il pomeriggio dei lutti
li scintilla
nel vomere che insegna il piacere.
Amo gli inverni
le tue periferie dell’umore
le tue fughe
quel metterti traverso già nuda, ed imprecare;
la voce che s’abbassa le sere che ti chiama
il sogno che ti crede in diritto.
T’amo e basta
solenne come un quadro di Rembrandt
capriccioso, lunatico e maturo
le volte che ti tocco
per mettere memoria alle mani della donna.
E t’amo come certe serate che mia madre
cuciva le sue grandi promesse
e le mie calze; bagnata dalla luce
che piano si attenuava
venendo vecchia in ogni suo istante.
T’amo e basta
col piglio coscienzioso dei saggi
e con il folle, di quelli chiusi in celle di vento.
T’amo e basta
come mio padre ha amato il suo vecchio l’ultim’ora
facendogli la barba con cura, neanche un fiato
nemmeno un pianto che si vedesse.
Così, sciolto
e libero nel mio navigare in questa vita
che mi colora piedi e maniere;
in questo mare
di voci speculari alla mia, e anche alla tua.
Io t’amo la baldanza e l’oscuro delle pene
l’esuberanza e il ventre di madre
l’acqua chiara, che ti traversa quando sorridi
e l’acqua scura
delle tue numerose paure.
T’amo e basta
perché se guardo te vedo me
qui nella piana, come un cavallo prima del tempo
del diluvio;
come una prugna acerba e selvatica
lontana, ben oltre mille mani di ladro.
La più bella
nella sua libertà senza se
perché, o chissà.

Read Full Post »

VOCI

La voce delle foglie quando è sera
ha niente a che vedere con mamma
o con l’amica
che nuda sta parlando al telefono.
Con te
che strilli le tue tante impazienze come niente
e sembri Rosa Luxemburg, fiera
il mio peccato, di gioventù anche adesso
che ne ho una fame boia.
Una fame da cantante da bar, da adolescente;
la fame di chi ha colto quell’attimo del
“vengo”
e ormai non me lo levo di dosso, è qui che sfrega
la testa come avessi i pidocchi
è qui che fotte,
mi prende come fossi il suo muscolo tirato
leccato come il pelo di un gatto.
Fame antica, delle preghiere là in prima fila
di ragazze, coperte fino al sacro di Venere
sedute, con le ginocchia un po’ birichine
un po’ a far figli.
La voce allo spezzare del pane, via anche il velo
la gola a far dei salti di gioia
gli orecchini, suonati come campanellini.
Voci maschie, uscite dalle grate del manicomio
– Capo, c’hai mica un po’ di fumo per caso?
sai, io sono, Napoleone e Lincoln insieme.
Voci crude
dei bimbi appresso un cane di pezza
una contesa, bastoni, urla oscene di guerra.
Voci rotte
cadute al pavimento di casa per tristezza
coraggio che ti viene a mancare, rabbia, sputi
e sangue come fosse mattanza.
Voci bianche
l’eunuco che qui vedi ha mischiato le sue carte
ha scelto un disco per la mattina, ha chiuso il gas.
E ha ancora nella testa quel “vengo”
Dio, che roba.

Read Full Post »

GEMMA

un’altra felice collaborazione con Stephy

I Fotolavori di Stephy

11087747_10206627035942560_1562182487_o

Da molto, da secoli, lontano
è quasi nullo il respiro
quasi foglia.
È regola del principe verde,
della Musa
la forza che si fabbrica un angolo
un ritaglio, coriandoli di cielo
un po’ equestre
un po’ sudato.
Da molto, da secoli, vicino
sei gemma di diamante e di latte
vena e linfa, il labbro
appiccicato del sole
il mio che suona
la musica dei bimbi nei prati,
il tuo, vivace.

(Massimo Botturi)

Foto, sempre, mia
Parole primaverili, sempre, di Massimo

View original post

Read Full Post »

ROSSO

Rosso era lo smalto di Elvira
al mare, a Cervia
il pelo che lasciava sfuggire tra le gambe;
il gatto del barista che mi veniva ai piedi
per strofinarsi a mia gioventù.
E rosso è il fiore
quell’unico papavero annegato in mezzo al grano.
Rosso è il pianto
che un po’ ricorda la troppa gioia
il cielo a tratti, che mischia le sue viscere
e incontra la pianura.
E rosso è anche il colore delle scarpette al chiodo
l’amica mia fa un’ultima danza
poi si arrende, restituisce sogni e nastrini
a me la bocca
ch’è rossa più di un acero, di un pomo, di un dirupo.
È rossa è la mia lingua pettegola e ubriaca
la voglia che ho di dirgliene quattro
e poi di amarla, più rosso di un cerino eccitato
più concreto, di un posto là sul Monte Vulcano.
E rosso, ancora
più rosso è stato quando le ho prese, ed ho sputato
nel lavandino il fiotto di sangue
e fino agli occhi, sentivo il male e tutte le mani
navigare, venire su di me come fionde ammazza tori.
Ma rosso è anche il vino girato nel bicchiere
per bere un’altra volta da soli
e ricordare
che rosso era il colore delle mie guance, allora
che mi indicasti il ventre
abitato da due cuori.

Read Full Post »

Read Full Post »

Ricordo che son stato bambino.
Adesso che ti cingo la vita, come allora
che dividevo il pane con lui
l’amico triste.
Ricordo i primi denti caduti
la moltiplicazione dei sogni;
mamma in strada, e il buio farsi largo tra i fumi.
Lo ricordo
e tu ricorda ch’è un bell’amore quest’andare
quest’augurarti notti serene, ora ch’è dura
la piuma del guanciale
la vena da tastare.
Ricorda i giorni della soffitta, il sole in chiesa
le volte che mostrasti a un ragazzo i piedi nudi
le piccole caviglie perfette
il suo futuro.

Oggi ho capito
ché il primo uccello qui è rinvenuto a far baccano
a consumarsi i canti alla pergola
e poi al secchio. Ad indorarmi pillole amare
a dirmi – caro, perpetua questo breve passare
c’è la luna, e l’ orbita dei suoi mancamenti
riempie il cielo.

Il pianto cresce alberi immensi sul cuscino.

Oggi ho capito
che è meglio far silenzio e baciarti sulla fronte
e togliere le tende al momento giusto.
Amore
i fiori del ciliegio faranno i vetri bianchi;
li muoveranno l’api tornate
e verso sera
ti porterò due paste per festa, piccoline
il giusto di bagnarci le labbra, e continuare.

Read Full Post »

Older Posts »